Ottima giornata per Aprilia: doppietta di Melandri, Guintoli accorcia su Sykes

Fassi SBK sponsor Jerez 2014 Jerez (Spagna), domenica 7 settembre 2014 – Si è concluso il fine settimana andaluso del Campionato Mondiale eni FIM Superbike, che ha visto l’assegnazione del titolo europeo Superstock 600 a Marco Faccani (San Carlo Team Italia) e del titolo Mondiale Supersport all’olandese Michael van der Mark (PATA Honda), in attesa che si disputino gli ultimi due round in calendario, per conoscere i campioni 2014 di SBK e STK1000.

La giornata di oggi è stata ricca di azioni appassionanti in pista, ma anche di ospiti importanti: Carlos Checa, Campione del Mondo SBK 2011, ha fatto un giro di pista d’onore su una Ducati Panigale, regalando al pubblico un momento emozionante, aprendo la pista per gara 2.

Presente nel Paddock Superbike anche Jorge Lorenzo, in veste di Alfa Romeo Ambassador, che ha effettuato anche lui un giro di pista, prima su una Yamaha R1, e poi sulla Alfa 4C, Official Safety Car del Campionato. Il due volte Campione del Mondo MotoGP ha salutato gli ex-rivali di gara e amici schierati in griglia di partenza, dopo aver firmato autografi per i fan delle derivate di serie.

Risultati gara 1: 1. Melandri (Aprilia) 20 giri/88.460 km in 34'20.164 media 154.578 km/h; 2. Guintoli (Aprilia) 1.397; 3. Davies (Ducati) 4.283; 4.
Rea (Honda) 5.705; 5. Sykes (Kawasaki) 6.979; 6. Laverty (Suzuki) 7.342; 7. Haslam (Honda) 14.868; 8. Elias (Aprilia) 23.853; 9. Salom (Kawasaki) 25.886; 10. Barrier (BMW) 26.536; 11. Guarnoni (Kawasaki) 41.308; 12. Andreozzi (Kawasaki) 46.672; 13. Morais (Kawasaki) 48.742; 14. Canepa (Ducati) 50.131; 15. Corti (MV Agusta) 1'03.677; 16. Rizmayer (BMW) 1'14.881; 17. May (EBR) 1'22.832; 18. Toth (BMW) 1'35.170; RT. Yates (EBR); RT. Baz (Kawasaki); RT. Lowes (Suzuki); RT. Giugliano (Ducati); RT. Staring (Kawasaki).

Risultati gara 2: 1. Melandri (Aprilia) 20 giri/88.460 km in 34'25.940 media 154.146 km/h; 2. Guintoli (Aprilia) 2.845; 3. Sykes (Kawasaki) 6.097; 4. Davies (Ducati) 7.749; 5. Rea (Honda) 7.935; 6. Laverty (Suzuki) 10.510; 7. Baz (Kawasaki) 16.078; 8. Haslam (Honda) 16.098; 9. Lowes (Suzuki) 16.554; 10. Elias (Aprilia) 25.840; 11. Barrier (BMW) 36.839; 12. Morais (Kawasaki) 55.531; 13. Guarnoni (Kawasaki) 55.980; 14. Rizmayer (BMW) 1'18.354; 15. Canepa (Ducati) 1'26.338; 16. Yates (EBR) 1'31.468; RT. Andreozzi (Kawasaki); RT. Toth (BMW); RT. May (EBR); RT. Corti (MV Agusta); RT. Giugliano (Ducati); RT. Salom (Kawasaki); NS. Staring (Kawasaki).

Standings (dopo 10 di 12 round): 1. Sykes 352; 2. Guintoli 321; 3. Rea 285; 4. Melandri 267; 5. Baz 262; 6. Davies 188; 7. Laverty 154; 8. Giugliano 153; 9. Elias 151; 10. Haslam 150; 11. Lowes 126; 12. Salom 95; 13. Canepa 54; 14. Guarnoni 41; 15. Camier 37; 16. Barrier 32; 17. Morais 24; 18.
Andreozzi 21; 19. Scassa 16; 20. Foret 14; 21. Corti 14; 22. Staring 12; 23. Allerton 6; 24. Bos 5; 25. Goi 5; 26. Russo 5; 27. Rizmayer 3; 28.
Pegram 2; 29. Toth 2; 30. Fabrizio 2; 31. Lanusse 1. Costruttori: 1. Kawasaki 369; 2. Aprilia 368; 3. Honda 285; 4. Ducati 249; 5. Suzuki 220; 6.
BMW 69; 7. MV Agusta 21; 8. EBR

Fassi Gru S.p.A. - Costruttore di gru articolate dal 1956

Fassi Gru è leader di mercato tra i produttori Italiani. La sua gamma di prodotti e il numero di gru vendute la pongono ai vertici tra i produttori mondiali di gru idrauliche.
La potenzialità produttiva è di circa 12000 gru all’anno. L’intera gamma è esportata e distribuita in tutto il mondo per una rapida e capillare distribuzione. Dal Canada alla Francia, dall’Inghilterra all’Australia, la professionalità Fassi si pone l’obiettivo di soddisfare le diverse necessità del mercato, spesso legate alle specifiche condizioni geografiche ed economiche delle singole nazioni.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione o cliccando su qualsiasi parte della pagina al loro utilizzo. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.