Fassi SBK sponsor | Sepang 2014Barcellona (Spagna), martedì 3 giugno 2014 – Il Sepang International Circuit ospiterà questo fine settimana, per la prima volta, un evento del Campionato  Mondiale eni FIM Superbike. Il tracciato, situato a 50 km a sud di Kuala Lumpur, capitale della Malesia, sarà infatti teatro del sesto round della stagione  2014. La pista del modernissimo impianto malese, della lunghezza di 5.548 metri, è caratterizzata da un manto d’asfalto molto largo e da un disegno  complesso, con due lunghi rettilinei in successione, inframezzati da un lento tornantino a sinistra, a completare il giro. 

Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), nuovo leader della classifica dopo Donington, non ha mai corso in precedenza a Sepang, ma nelle ultime due stagioni ha  dimostrato di poter far bene sui circuiti al debutto nella competizione: il britannico vinse la gara d’esordio al Moscow Raceway nel 2012, chiudendo la  corsa successiva al secondo posto, mentre lo scorso anno fu terzo e secondo nelle due gare disputate all’Intercity Istanbul Park. Il ventottenne originario  di Huddersfield ha comunque già avuto modo di provare a Sepang nel 2011, nei test invernali organizzati da Kawasaki con l’allora nuovo team di riferimento  in WSBK, Provec Racing (l’attuale Kawasaki Racing Team). 

Sykes spera di continuare l’ottimo momento di forma, dopo la splendida doppietta in gara, conquistata due domeniche fa a Donington Park. Sul tracciato di  casa, il Campione del Mondo in carica è stato autore di una delle corse più belle della sua carriera, chiudendo davanti al compagno di squadra Baz al  termine di una incredibile rimonta, giunta dopo una partenza dalla terza fila ed un inizio di gara decisamente difficile. 

Dopo aver mancato il podio nella sua Gran Bretagna ed aver perso la vetta della classifica, Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) guarda con attesa  alla trasferta di Sepang. Il centauro nordirlandese conosce già la pista malese, grazie al test svolto a fine 2010 con HRC. Rea al momento si trova al  secondo posto nella corsa al titolo, a pari punti con l’altro pilota KRT, Loris Baz. 

Gli alfieri dell’Aprilia Racing Team, Sylvain Guintoli e Marco Melandri, vantano una grande esperienza a Sepang, avendoci corso in svariate occasioni. I  due lunghi rettilinei della pista possono esaltare le doti velocistiche della RSV4 Factory ed entrambi i piloti hanno estremo bisogno di risultati  importanti, anche se per motivi diversi: Guintoli, quarto in classifica con 37 punti di distacco, non vuole perdere ulteriore terreno dai primi, mentre  Melandri, reduce da un’altra prova difficile in stagione a Donington, è alla disperata ricerca di un risultato positivo, per cambiare il trend di una  stagione decisamente sottotono. Nel 2007 il ravennate fu secondo al traguardo nella gara di MotoGP, dietro al vincitore Casey Stoner. 

Nonostante il circuito sia nuovo del calendario iridato Superbike, numerosi altri piloti della competizione hanno già gareggiato a Sepang: Chaz Davies  (Ducati Superbike Team), Leon Haslam (Pata Honda World Superbike), Eugene Laverty (Voltcom Crescent Suzuki), Toni Elias (Red Devils Aprilia), Claudio Corti  (MV Agusta RC – Yakhnich Motorsport) e Imre Toth (BMW Team Toth). 

L’australiano Bryan Staring, pronto al debutto in stagione questo weekend a Sepang con il Team Iron Brain Grillini Kawasaki - in sostituzione del romano  Michel Fabrizio, separatosi dalla squadra - è l’unico pilota della classe EVO ad aver già corso su questo tracciato. La battaglia per il miglior  piazzamento nella categoria sarà quindi più aperta che mai, con David Salom (Kawasaki Racing Team), Niccolò Canepa (Althea Racing Ducati), Leon Camier (BMW  Motorrad Italia Superbike) e gli altri piloti EVO a giocarsi la supremazia nella neonata classe del Mondiale. 

Classifica (dopo 5 di 13 round): 1. Sykes 185; 2. Rea 159; 3. Baz 159; 4. Guintoli 148; 5. Davies 109; 6. Melandri 97; 7. Giugliano 82; 8. Haslam 75; 9.  Lowes 73; 10. Laverty 65; 11. Elias 65; 12. Salom 46; 13. Canepa 38; 14. Camier 20; 15. Scassa 16; 16. Foret 14; 17. Guarnoni 12; 18. Corti 10; 19. Morais  10; 20. Allerton 6; 21. Bos 5; 22. Andreozzi 4; 23. Fabrizio 2. Costruttori: 1. Kawasaki 193; 2. Aprilia 162; 3. Honda 159; 4. Ducati 137; 5. Suzuki 115;  6. BMW 26; 7. MV Agusta 10.
 

Mondiale Supersport 

Il Campionato Mondiale Supersport è al primo round assoluto sulla pista di Sepang. Sei dei primi dieci piloti in classifica hanno già corso sul lungo  tracciato asiatico, con Roberto Rolfo (Team Go Eleven Kawasaki) a vantare i risultati migliori. L’esperto pilota torinese, attualmente al nono posto nella  battaglia per il titolo iridato, ha ottenuto due terzi posti in gara nella 250cc nel biennio 2001-2002, salendo invece nel 2010 sul gradino più alto del  podio in Moto2. 

A differenza del suo compagno, Lorenzo Zanetti, Michael van der Mark (Pata Honda World Supersport), attuale capo classifica della competizione, dovrà  imparare il tracciato durante questo fine settimana, così come il primo dei suoi inseguitori, Florian Marino (Intermoto Ponyexpres Kawasaki) e colui che  occupa al momento la quarta posizione, lo scozzese Kev Coghlan (DMC-Panavto Yamaha). 

Van der Mark dovrà guardarsi da Jules Cluzel (MV Agusta RC – Yakhnich Motorsport) e Kenan Sofuoglu (Mahi Racing Team India Kawasaki), entrambi intenzionati  a far bene su un tracciato a loro non sconosciuto. Il pilota francese vanta una situazione di classifica decisamente più favorevole rispetto a quella del  turco: Cluzel è infatti terzo con 28 punti da recuperare, mentre il distacco dalla vetta di Sofuoglu, settimo, ammonta a ben 52 lunghezze.  

Altri due italiani, Raffaele De Rosa (CIA Insurance Honda) e Roberto Tamburini (San Carlo Puccetti Racing), possono giocare un ruolo da protagonisti nel  round alle porte, avendo già corso a Sepang nel recente passato.  

Classifica (dopo 5 di 12 round): 1. vd Mark 90; 2. Marino 76; 3. Cluzel 62; 4. Coghlan 60; 5. Zanetti 49; 6. De Rosa 45; 7. Sofuoglu 38; 8. Tamburini 37;  9. Rolfo 36; 10. Jacobsen 32; 11. Wahr 23; 12. Bussolotti 21; 13. Russo 21; 14. Menghi 19; 15. Kennedy 19; 16. Gamarino 16; 17. Leonov 13; 18. Wilairot 13;  19. Gowland 9; 20. Nocco 8; 21. Coveña 6; 22. Schmitter 3; 23. Calero 3; 24. Rogers 1. Costruttori: 1. Honda 111; 2. Kawasaki 87; 3. Yamaha 70; 4. MV  Agusta 70; 5. Triumph 9.

Fassi Gru S.p.A. - Costruttore di gru articolate dal 1956

Fassi Gru è leader di mercato tra i produttori Italiani. La sua gamma di prodotti e il numero di gru vendute la pongono ai vertici tra i produttori mondiali di gru idrauliche.
La potenzialità produttiva è di circa 12000 gru all’anno. L’intera gamma è esportata e distribuita in tutto il mondo per una rapida e capillare distribuzione. Dal Canada alla Francia, dall’Inghilterra all’Australia, la professionalità Fassi si pone l’obiettivo di soddisfare le diverse necessità del mercato, spesso legate alle specifiche condizioni geografiche ed economiche delle singole nazioni.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione o cliccando su qualsiasi parte della pagina al loro utilizzo. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.