Guintoli - Sepang | Fassi SBK SponsorshipSepang (Malesia), domenica 8 giugno 2014 - La seconda gara di giornata del Campionato Mondiale eni FIM Superbike a Sepang, corsa sulla distanza di dieci giri, è stata vinta da Marco Melandri (Aprilia Racing Team), che completa così un’importante doppietta, precedendo di nuovo al traguardo il compagno di squadra Sylvain Guintoli. Per il ravennate si tratta della seconda doppia vittoria di gara, dopo quella ottenuta nel 2012 a Brno.

Marco Melandri: "Una doppietta che ci voleva! Nonostante le difficoltà, non ci siamo mai arresi, abbiamo continuato a lavorare e a lottare. Qui ho trovato un buon feeling con la mia RSV4, le condizioni di gara 1 erano difficili ma sono riuscito a raggiungere Sylvain. Dopo il sorpasso ho fatto il mio ritmo, sapevo di potermi difendere bene in staccata e sono riuscito ad amministrare fino alla fine. Gara 2 è stata ancora più dura, perché ho combattuto anche con le Kawasaki prima di poter raggiungere Sylvain. Nell’ultimo giro ho pensato a provarci, dovevo dare tutto fino alla bandiera a scacchi. Comunque tutti i piloti sono da ammirare oggi, perché guidare in queste condizioni non è per niente facile. Questo risultato lo dedico alla Manu, al suo pancione e a tutti i ragazzi del Team. Ci vediamo a Misano!"

Sylvain Guintoli: "In gara 1 credevo di aver messo in pratica bene la mia tattica, purtroppo verso la fine Marco aveva un gran passo, mi ha costretto a qualche errore. Gara 2 l’ho condotta meglio, tentando di essere aggressivo da subito, semplicemente Marco verso la fine aveva qualcosa in più. Ho provato a rispondergli, credo che chi ci ha guardato si sia divertito nell’ultimo giro! Abbiamo guadagnato punti pesanti in campionato e dimostrato che Aprilia è tornata davanti, con una grande giornata. Ci riposeremo serenamente dopo questo weekend davvero faticoso."

Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) ha conquistato un ottimo terzo posto, stringendo i denti a causa del polso dolorante dopo l’incolpevole caduta di gara 1, e resta al comando della classifica piloti, sebbene ora con soli 13 punti di vantaggio su Guintoli.

Il ridotto numero di passaggi sul traguardo è stato frutto di una bandiera rossa che ha interrotto la corsa al quarto giro, a seguito del problema tecnico occorso a Claudio Corti (MV Agusta RC – Yakhnich Motorsport): la sua F4 RR ha perso olio in pista e ha preso fuoco. Nessuna conseguenza per Corti, che però non si è potuto schierare nuovamente in griglia.

Melandri è riuscito, a suon di giri veloci, a chiudere il divario su Guintoli, che si trovava al comando della corsa, aspettando però fino all’ultimo giro prima di attaccare. Il pilota italiano ci ha provato dapprima alla curva 9, finendo leggermente lungo, per poi concretizzare il sorpasso vincente alla curva 14. Guintoli ha provato ad infilare all’interno il rivale all’ultima staccata, non riuscendo, però, a tenere la linea ottimale e dovendo lasciare strada a Melandri, primo al traguardo.

Quarto posto per Toni Elias (Red Devils Roma Aprilia), a precedere Loris Baz (Kawasaki Racing Team), Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike), Eugene Laverty (Voltcom Crescent Suzuki), Chaz Davies (Ducati Superbike Team) ed Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki), con l’altro pilota ufficiale di Borgo Panigale, Davide Giugliano, a chiudere la top 10.

Leon Camier (BMW Motorrad Italia Superbike Team) ha conquistato il miglior piazzamento nella classe EVO, chiudendo al dodicesimo posto davanti ai rivali di categoria David Salom (Kawasaki Racing Team), Jeremy Guarnoni (MRS Kawasaki), Niccolò Canepa (Althea Racing Team Ducati) e Bryan Staring (Iron Brain Grillini Kawasaki).

Risultati gara 1: 1. Melandri (Aprilia) 16 giri/88.768 km in 33'42.359 media 158.016 km/h; 2. Guintoli (Aprilia) 0.620; 3. Laverty (Suzuki) 12.865; 4. Davies (Ducati) 15.437; 5. Elias (Aprilia) 15.723; 6. Rea (Honda) 31.304; 7. Haslam (Honda) 34.093; 8. Giugliano (Ducati) 35.804; 9. Salom (Kawasaki) 42.031; 10. Camier (BMW) 49.465; 11. Guarnoni (Kawasaki) 53.715; 12. Andreozzi (Kawasaki) 1'07.783; 13. Staring (Kawasaki) 1'10.746; 14. Toth (BMW) 1'18.143; 15. Lanusse (Kawasaki) 1'21.026; 16. Yates (EBR) 1'49.054; RT. Canepa (Ducati); RT. Morais (Kawasaki); RT. Sebestyen (BMW); RT. Corti (MV Agusta); RT. Foret (Kawasaki); RT. Lowes (Suzuki); RT. Baz (Kawasaki); RT. Sykes (Kawasaki); SH. Badovini (Bimota) 55.683; SH. Iddon (Bimota).

Risultati gara 2: 1. Melandri (Aprilia) 10 giri/55.480 km in 21'00.424 media 158.461 km/h; 2. Guintoli (Aprilia) 0.166; 3. Sykes (Kawasaki) 2.689; 4. Elias (Aprilia) 5.386; 5. Baz (Kawasaki) 5.514; 6. Rea (Honda) 7.073; 7. Laverty (Suzuki) 7.476; 8. Davies (Ducati) 11.057; 9. Lowes (Suzuki) 15.866; 10. Giugliano (Ducati) 16.206; 11. Haslam (Honda) 16.488; 12. Camier (BMW) 23.820; 13. Salom (Kawasaki) 30.653; 14. Guarnoni (Kawasaki) 31.266; 15. Canepa (Ducati) 43.009; 16. Staring (Kawasaki) 46.127; 17. Morais (Kawasaki) 58.167; 18. Toth (BMW) 1'00.017; 19. Sebestyen (BMW) 1'03.574; 20. Yates (EBR) 1'13.522; RT. Lanusse (Kawasaki); RT. Andreozzi (Kawasaki); RT. Foret (Kawasaki); SH. Badovini (Bimota) 29.094; SH. Iddon (Bimota) 36.354.

Classifica (dopo 6 di 13 round): 1. Sykes 201; 2. Guintoli 188; 3. Rea 179; 4. Baz 170; 5. Melandri 147; 6. Davies 130; 7. Giugliano 96; 8. Laverty 90; 9. Elias 89; 10. Haslam 89; 11. Lowes 80; 12. Salom 56; 13. Canepa 39; 14. Camier 30; 15. Guarnoni 19; 16. Scassa 16; 17. Foret 14; 18. Corti 10; 19. Morais 10; 20. Andreozzi 8; 21. Allerton 6; 22. Bos 5; 23. Staring 3; 24. Toth 2; 25. Fabrizio 2; 26. Lanusse 1. Costruttori: 1. Kawasaki 216; 2. Aprilia 212; 3. Honda 179; 4. Ducati 158; 5. Suzuki 140; 6. BMW 36; 7. MV Agusta 10

Mondiale Supersport

Michael van der Mark (Pata Honda World Supersport) ha conquistato di misura a Sepang il terzo successo della stagione in quattro gare, vincendo una stupenda battaglia in volata con Jules Cluzel (MV Agusta RC – Yakhnich Motorsport). Grazie a questa ennesima vittoria, il giovane pilota olandese sale a quota 115 punti, con 33 lunghezze di vantaggio proprio su Cluzel. Kenan Sofuoglu (Mahi Racing Team India Kawasaki) ha completato il podio di gara, precedendo di un soffio, alla bandiera a scacchi.

Risultati: 1. Vd Mark (Honda) 14 giri/77.672 km in 30'23.854 media 153.312 km/h; 2. Cluzel (MV Agusta) 0.018; 3. Sofuoglu (Kawasaki) 4.526; 4. Rolfo (Kawasaki) 4.651; 5. Zanetti (Honda) 9.187; 6. Wilairot (Honda) 12.494; 7. De Rosa (Honda) 13.515; 8. Jacobsen (Kawasaki) 20.400; 9. Zaidi (Honda) 20.579; 10. Bussolotti (Honda) 29.038; 11. Gamarino (Kawasaki) 33.204; 12. Russo (Honda) 39.729; 13. Nocco (Kawasaki) 48.739; 14. Leonov (MV Agusta) 50.260; 15. Coveña (Kawasaki) 1'02.471; etc.

Classifica (dopo 6 di 12 round): 1. Vd Mark 115; 2. Cluzel 82; 3. Marino 76; 4. Zanetti 60; 5. Coghlan 60; 6. Sofuoglu 54; 7. De Rosa 54; 8. Rolfo 49; 9. Jacobsen 40; 10. Tamburini 37; 11. Bussolotti 27; 12. Russo 25; 13. Wahr 23; 14. Wilairot 23; 15. Gamarino 21; 16. Menghi 19; 17. Kennedy 19; 18. Leonov 15; 19. Nocco 11; 20. Gowland 9; 21. Zaidi 7; 22. Coveña 7; 23. Schmitter 3; 24. Calero 3; 25. Rogers 1. Costruttori: 1. Honda 136; 2. Kawasaki 103; 3. MV Agusta 90; 4. Yamaha 70; 5. Triumph 9.

Fassi Gru S.p.A. - Costruttore di gru articolate dal 1956

Fassi Gru è leader di mercato tra i produttori Italiani. La sua gamma di prodotti e il numero di gru vendute la pongono ai vertici tra i produttori mondiali di gru idrauliche.
La potenzialità produttiva è di circa 12000 gru all’anno. L’intera gamma è esportata e distribuita in tutto il mondo per una rapida e capillare distribuzione. Dal Canada alla Francia, dall’Inghilterra all’Australia, la professionalità Fassi si pone l’obiettivo di soddisfare le diverse necessità del mercato, spesso legate alle specifiche condizioni geografiche ed economiche delle singole nazioni.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze. Proseguendo la navigazione o cliccando su qualsiasi parte della pagina al loro utilizzo. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.